logo

Giovanni Raspante di Stylosofie…il floral designer per eccellenza

L’altro giorno, davanti un bel caffè, ho avuto il piacere di intervistare una persona per me speciale, un amico fantastico, un collaboratore splendido, pieno di estro e creatività…un poeta (definito così da molti) dei fiori…per me un guru!!!

Ho intervistato Giovanni Raspante di Stylosofie…

Domande mirate che ci svelano alcuni trucchi di questa sua meravigliosa professione:

Giovanni, cosa rappresenta oggi la tua figura?

La figura del floral designer è fondamentale oggi ancora di più. Gli sposi hanno dei parametri per riconoscere chi e come sarà la scenografia del matrimonio. Sono esigenti e pretendono di avere a che fare con professionisti e non ci si accontenta più dei fiori “buttati sui tavoli” ma di vere e proprie scenografie in grado di fondersi nel contesto migliorandolo e rendendolo unico.

I fiori che importanza hanno per un evento?

Fondamentale. Dico sempre che un evento senza fiori mi mette tristezza, e ancora di più un evento con fiori lavorati da chi non ha nemmeno lontanamente le basi per farlo è un evento rovinato.

I fiori più di tendenza?

Non escludo nulla, i fiori sono tutti belli, ma hanno dei caratteri come può avere carattere un abito e quindi vanno inseriti e rispettati per forma, colore e carattere, oltre all’importanza della stagione è sempre fondamentale lavorarli con rispetto del luogo e anche della personalità che si vuole dare all’evento.Comunque le peonie, le ortensie, le rose, le dalie e le orchidee sono sempre fiori giusti di tendenza e molto raffinati.

Come ti scelgono i clienti?

Ci si sceglie reciprocamente! Ho uno stile e modo di esprimere il mio lavoro e spesso accade di rifiutare lavori che trovo poco stimolanti o non di mio gusto! Per gli sposi è più semplice perché oggi il web ti descrive il fornitore e ti suggerisce se è la figura più idonea.

Cosa non ti piace di questo mondo?

Come in tutti i settori professionali è pieno di situazioni improvvisate.

Non amo le chiacchere da bar e diffido subito di chi mi parla di altri professionisti per sminuirli, la mia cerchia di collaboratori e amici professionisti hanno in comune con me un obiettivo: la riuscita impeccabile dell’evento…il resto lo lasciamo a chi ha tempo da perdere!

Sei uno dei floral designer più amati e rispettati nel wedding romano, come te lo spieghi?

Sinceramente non lo so!Ma negli ultimi anni molta gente mi scrive cose bellissime e mi chiede consigli e quando vedo passione e determinazione tendo con gran piacere la mano.

Cosa prevedi per i prossimi anni nel mondo wedding?

Una grande scrematura di professionisti, il mercato è esigente e noi dobbiamo precederlo!Studiare, sperimentare e viaggiare è un cocktail vincente e produttivo!

Ogni figura deve necessariamente approfondire il proprio ruolo per non creare disordini ad effetto boomerang.

Cosa suggerisci agli sposi della nuova stagione?

Di capire e concretizzare il proprio sogno, che il pagare poco è spesso e volentieri ottenere pochissimo. Inoltre consiglio di affiancarsi ad un wedding planner serio che coordinerà al meglio i sogni della coppia e che abbia il carattere di imporsi nelle idee e nei suggerimenti perché l’obiettivo comune debba essere un matrimonio da sogno.

Il giorno del si…mi racconti la tua tipica giornata lavorativa?

Di solito la sveglia suona molto presto, i fiori arrivano il giorno prima e vanno tutti puliti e selezionati. Poi inizio a lavorarli e prepararli lasciando i dettagli da sistemare sul posto.

Il giorno del matrimonio la squadra è pronta ed ognuno ha il suo compito.Si caricano i furgoni e si parte.
Il tutto generalmente termina a notte inoltrata con la sistemazione dei materiali il giorno dopo.
Per un evento medio occorrono 3 giorni pieni di lavoro, ma lo studio del progetto, i sopralluoghi e la ricerca dei materiali inizia anche un anno prima.

Minimalismo o opulenza?

Dipende dal contesto che si vuole ottenere.

Oggi la tendenza è su uno stile naturale e poco artificioso, dove gli elementi vegetali respirano e si legano a tutto il contesto.

Le composizioni si legano a molte cose tra cui tovagliati molto ricercati e non scontati, ecco perché la collaborazione con catering all’avanguardia aiuta il floral designer ad ottenere ottimi risultati d’effetto.Composizioni bellissime adagiate su mise en place banali non valorizzano il tutto, ma lo sminuiscono.

Grazie Gio…per il caffè ma soprattutto per questa bellissima chiacchierata!

 

IMG_4506

 

 

 

 

 

 

IMG_4507

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Published by

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi